L'inedito - Quinta di Copertina - Teatro
134
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-134,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

L’inedito

L’INEDITO

DI WILLIAM SHAKESPEARE

della compagnia Quinta di Copertina
una produzione Cooperativa Mestieri del Palco
consulenza registica a cura di Stefano de Luca

Lo spettacolo

Lo spettacolo ha lo scopo di fornire alcuni strumenti per lo studio, la comprensione, e la conoscenza di un moderno e quanto mai umano William Shakespeare autore teatrale che scrisse nel passato ma che risulta davvero attuale e vivo nel contemporaneo.

 

Il pubblico stesso può essere partecipe e coinvolto in un genere teatrale così tanto menzionato e molto meno compreso, in un’atmosfera semplice e leggera, divertente e interattiva, che racconta Shakespeare da un altro punto di vista.

Nella prima parte dello spettacolo, prettamente divulgativa, gli attori, attraverso frammenti di scene, sketch brillanti e giochi teatrali caratterizzati da un importante coinvolgimento del pubblico, assolvono il compito esplicativo e didattico in maniera tutt’altro che didascalica, fornendo spunti di studio e riflessioni sul contesto storico, la vita e le opere di William Shakespeare, i temi trattati nei testi, il linguaggio utilizzato, i personaggi rappresentati.

 

Nella seconda parte, invece, puramente performativa, la compagnia porta in scena il sapore e i colori di una rappresentazione shakespeariana senza avere a disposizione un copione o un canovaccio, ma utilizzando l’improvvisazione teatrale come materia prima della messa in scena utilizzando strutture narrative, temi e archetipi ricorrenti nelle opere di William Shakespeare. La rappresentazione estemporanea dell’inedita pièce shakespeariana prevede anch’essa un forte il coinvolgimento degli spettatori rendendoli parte attiva nella narrazione attraverso la richiesta di spunti e ispirazioni per la costruzione interattiva della pièce teatrale.

L’improvvisazione teatrale

L’Improvvisazione Teatrale è una disciplina comunemente fraintesa. Per molti Improvvisazione è approssimazione e impreparazione, per alcuni è unicamente comicità o leggerezza. Per la compagnia Quinta di Copertina l’Improvvisazione Teatrale è creare storie e personaggi, ambienti, situazioni ed emozioni senza seguire un copione, senza canovaccio né suggeritore, ma solo grazie alla fantasia, alla spontaneità, all’interazione e all’ascolto.

 

Improvvisare è scrivere sul foglio bianco della scena diventando allo stesso tempo autori, attori e registi di sé stessi e degli altri.

 

Il punto di partenza è riconducibile alle forme di teatro all’improvviso nate in Canada negli anni ’70 che portano in scena il concetto del “qui ed ora”, le tecniche della narrazione spontanea, l’idea del coinvolgimento diretto del pubblico, la filosofia della creazione collaborativa. Ma l’ispirazione nello specifico viene dal teatro inglese del diciassettesimo secolo nel quale le messe in scena non prevedevano la figura del regista, non avevano scenografie caratterizzanti, si affidavano unicamente alle capacità degli attori incaricati di catturare l’attenzione di un pubblico di ogni estrazione e occupazione.

 

Lo stesso Shakespeare racconta con la voce di Amleto (“…e fate che quelli che recitano la parte del buffone si attengano al testo.”) che nel teatro elisabettiano molto spesso gli attori si rifacevano ad un copione che molto spesso veniva abbandonato per dare spazio alla libera interpretazione e alla recitazione “a braccio”.

L’EDUTAINMENT (o Intrattenimento educativo)

È una formula anglosassone, di recente acquisizione, che coniuga apprendimento e intrattenimento, storia, arte e teatralizzazione. Il valore aggiunto di questo prodotto sta nell’uso dello spettacolo come strumento per far dialogare pubblico, arte e letteratura. È un’occasione di apprendimento vissuto come divertimento.

 

La compagnia Quinta di Copertina realizza “L’INEDITO di William Shakespeare”, lezione-spettacolo di improvvisazione teatrale sul teatro di William Shakespeare, ovvero una tipologia di performance che si presta ad essere facilmente adattata ad un pubblico scolastico poiché unisce intrattenimento e materiale di studio.

 

Un’operazione culturale con un doppio piano di fruizione; da una parte la divulgazione e la riflessione guidata sui contenuti e le forme espressive utilizzate nel teatro di William Shakespeare con riferimenti e agganci all’epoca elisabettiana, la società e la cultura del tempo, dall’altra la storia narrata, creata sul momento con le tecniche dell’improvvisazione teatrale, che cattura l’interesse coinvolgendo e divertendo.

CHI È SEAN MCCANN – L’ISPIRAZIONE

Sean McCann è docente, regista e trainer di improvvisazione all’Oxford School of Drama, all’East 15 Acting School, alla Mountview Academy of Theatre Arts, alla London Film School e in numerosi festival internazionali.

 

Lavora per Extempore Theatre e fa parte del cast di Showstoppers – The Improvise Musical. E’ co-fondatore della Ken Campbell’s School of Night – Shakespearian Improvisation con la quale porta in scena “Hard Bardic Extemporization” a The Latitude Festival, Drill Hall, BAC and Hay Festival – BBC Radio, Soho Theatre, West End e Elsinore Castle in Danimarca, Gilded Baloon in Edimburgo, Royal Court e Shakespeare’s Globe.

CHI È STEFANO DE LUCA – LA REGIA

Si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, lavora come assistente alla regia di Giorgio Strehler al Piccolo Teatro e poi come assistente di Lamberto Puggelli, Carlo Battistoni, Ferruccio Soleri e Guido Ceronetti. Cura in seguito la regia da solista di numerosi spettacoli al Piccolo Teatro di Milano e in cinque differenti paesi.

 

Nel 2008 fonda la compagnia teatrale indipendente Lupusagnus, nel 2010 debutta nella regia lirica e dal 2011 collabora con il Maly Theatre di Mosca. Da molti anni si occupa di pedagogia teatrale insegnando in numerose accademie teatrali a
Budapest, Stoccarda, Shanghai, Valencia, Mosca.

QUINTA DI COPERTINA – LA COMPAGNIA

Lo Spettacolo L’INEDITO viene messo in scena per la prima volta nell’estate del 2014 in occasione dell’Improteatro Festival di Napoli (festival nazionale di improvvisazione teatrale), occasione che ha dato l’ispirazione e la possibilità ad un gruppo di attori specializzati in teatro d’improvvisazione e teatro educativo,provenienti da tutta Italia, di formarsi sulle tecniche e sui meccanismi propri del teatro shakespeariano grazie al supporto tecnico del londinese Sean McCann e alla consulenza registica di Stefano De Luca.

 

I professionisti della compagnia lavorano in costante aggiornamento e studio per continuare a praticare e diffondere la cultura teatrale in tutte le sue forme e metodologie, sempre alla ricerca di nuovi modi di fare teatro, arte,
divulgazione e incontro.